Viola Ardone, «Il treno dei bambini» | la CRONACA di RAVENNA

Viola Ardone, «Il treno dei bambini»

A volte dobbiamo rinunciare a tutto, persino all'amore di una madre, per scoprire il nostro destino

21 settembre 2021 - Questo libro rappresenta un vero e proprio caso editoriale italiano dell’ultima Fiera di Francoforte ed è in corso di traduzione in 25 lingue. È ambientato nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale, il 1946. Il sud è devastato e c’è una grande povertà, soprattutto nei rioni di Napoli, dove a stento i bambini avevano da mangiare e imparavano ad arrangiarsi per poter sopravvivere.
Per questo molti bambini partirono verso il nord d’Italia per trascorrere, ospiti, in famiglia, almeno sei mesi, tutto il periodo più freddo. Una iniziativa portata avanti dal Partito comunista.
Amerigo Speranza è l’io narrante di questo romanzo. È povero, vive a Napoli con la madre Antonietta, figlio unico senza un padre, forse sparito in America, “a faticare”. La madre decide di offrirgli l'opportunità di una vita migliore, non vuole più mandarlo a raccogliere le “pezze”; per lui desidera scuola, cibo, salute. Una decisione difficile che cambierà la vita ad Amerigo.

“La prima volta ho sentito questa storia, racconta la giovane autrice Viola Ardone in una intervista, da una persona anziana che cominciava ad avere ricordi confusi ma che aveva ancora nitido il ricordo di lui affacciato al finestrino di un treno che partiva e la madre a terra che, mentre il treno si allontanava, diventava sempre più piccola. Questa immagine di separazione dolorosa, benché necessaria, mi colpì moltissimo. Mi sono chiesta quale potesse essere il motivo, per una madre, di lasciare partire il suo bambino. Così ho fatto le ricerche e ho scoperto che in quel periodo furono circa settanta mila i bambini che andarono in “vacanza” al nord. Ho voluto che la storia di questo singolo bambino divenisse ‘memoria collettiva’”.

La scrittrice scrisse il romanzo quando non era ancora accaduta in Afghanistan la terribile scena di madri che lanciavano i loro bambini oltre il reticolato ai soldati americani perché li portassero in salvo. I bambini di questo romanzo tornarono quasi tutti a casa, tranne coloro che trovarono al nord una vita migliore, senza dimenticare mai i luoghi di origine, ma quelli afghani chissà se mai rivedranno le loro mamme.

Il bambino parte per il Nord spaventato dalle dicerie sulle cattiverie e sulla crudeltà dei comunisti che, si diceva, mangiavano i bambini. Sale sul treno per recarsi in un altrove sconosciuto dove troverà, gli hanno detto, una famiglia affettuosa e una casa accogliente.
Il romanzo di Viola Ardone racconta l’episodio di un bambino in affido, anche se momentaneo, senza trascurare di sottolineare l’aspetto traumatico di questo piccolo viaggiatore che non era mai uscito da un povero rione di Napoli, che perdeva la mamma, almeno questa era la sensazione del momento, ma allo stesso tempo esce dalla tormentosa sensazione di fame e spera in una protezione che la famiglia ’del nord’ gli darà.
Si dovrà confrontare con un nuovo dialetto, con cibi diversi e con una donna, Derna, che lo accoglie con paura e timore, spaventata quanto lui perché “di bambini non ne capisco proprio”, e deve consolare, rassicurare un cuore infantile che sente il vuoto lasciato dalla madre rimasta giù.

L’autrice ci dà anche una visione approfondita di una città che fa fatica a rialzarsi e che diventa l’unica giustificazione della dolorosa separazione: “A volte dobbiamo rinunciare a tutto, persino all'amore di una madre, per scoprire il nostro destino”. E il destino sorride ad Amerigo che può studiare, aiutare, da lontano, sua madre, ma la scena conclusiva ci sorprende: ancora una volta una partenza e lui al finestrino che saluta un bambino rimasto a terra, ma è solo un saluto che prevede un ritorno e il consolidamento di un legame ritrovato con la sua terra grazie a Carmine, il nipotino che ha scoperto di avere in questo ultimo ritorno a Napoli.

Anna De Lutiis


© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Un libro per te

"C’era una volta… a Ravenna", storie e vicende raccontate da Franco Gàbici

Un libro che celebra la memoria, spesso divertita, per i luoghi e i personaggi della ...

"C’era una volta… a Ravenna", storie e vicende raccontate da Franco Gàbici

Un libro che celebra la memoria, spesso divertita, per i luoghi e i personaggi della ...

"L'abbaglio del tempo", di Ermanna Montanari

Il romanzo racconta «la bellezza affettiva d'un luogo inventato», svela il luogo ...

"L'abbaglio del tempo", di Ermanna Montanari

Il romanzo racconta «la bellezza affettiva d'un luogo inventato», svela il luogo ...

Un perfetto «romanzo in forma di teatro» intorno alla figura di Grazia Deledda

Al centro, tre momenti della sua vita lontani decenni l'uno dall'altro. È l'unica ...

Un perfetto «romanzo in forma di teatro» intorno alla figura di Grazia Deledda

Al centro, tre momenti della sua vita lontani decenni l'uno dall'altro. È l'unica ...

Biscotti Saltari

Un libro per te

"C’era una volta… a Ravenna", storie e vicende raccontate da Franco Gàbici

Un libro che celebra la memoria, spesso divertita, per i luoghi e i personaggi della ...

Sopra le righe

Kate Middleton compie 40 anni, le foto ufficiali dell’artista ravennate Paolo Roversi

È l'autore dei tre ritratti della duchessa di Cambridge che entreranno a far parte ...

"Intrigo alla Baiona", un dono dell'associazione Dis-ORDINE

Un raro reperto della creatività ravennate, girato integralmente a Ravenna nel 1960. ...

Riccardo Muti, prove aperte in San Romualdo con la Cherubini e allievi del Verdi. «Questi ragazzi portano qui la musica e la vita»

Tre Sinfonie di Verdi in presenza del pubblico nel nuovo auditorium ricavato nella ...

Jovanotti 3/ «Quando lo scorso ottobre si è riaperto il cielo, ho scritto come un pazzo»

Sarà molto di più di un concerto, un contenitore di eventi che – insieme a Intesa ...

Jovanotti 2/ «Quella volta che venni a Marina di Ravenna in motorino»

Il video della presentazione del Jova Beach Party 2022

Jovanotti 1/ Fissati per l'8 e 9 luglio i concerti a Marina di Ravenna del #jovabeachparty2022

L'artista: «Spero di portare gioia alla città e anche lavoro e buone cose per l’economia ...

Maria Pia Timo e la piadina, da Zelig alla Vespa Teresa. INTERVISTA

Il nuovo libro dell'attrice, comica e cabarettista faentina

“L’isola disabitata”, un sogno tra Settecento e giorni nostri. INTERVISTA al direttore d'orchestra e al regista

Nicola Valentini e Luigi De Angelis, entrambi ravennati, entrambi al debutto operistico ...