UniBo. Campus di Ravenna, crescono le immatricolazioni: +3%. Forte aumento a Forlì: +16% | la CRONACA di RAVENNA

UniBo. Campus di Ravenna, crescono le immatricolazioni: +3%. Forte aumento a Forlì: +16%

Le sedi di Bologna e Cesena segnano entrambre un -3%, Rimini -8%. Aumentano gli studenti internazionali (+11%), in particolare dall'Iran (+70%, di cui il 62% studentesse), Cina (+23%), Turchia (+24%) e Russia (+24%)

08 febbraio 2024 -
L'Università di Bologna conferma la sua forte attrattività a livello nazionale e internazionale e il suo ruolo di grande Ateneo pubblico, aperto, inclusivo e fortemente competitivo a livello internazionale. I numeri delle immatricolazioni per l’anno accademico 2023/2024 sono infatti in linea con quelli dello scorso anno e fanno registrare aumenti significativi sul fronte degli studenti internazionali e dei corsi di laurea magistrali.

Nel dettaglio, le nuove iscrizioni all’Alma Mater per l’anno accademico 2023/2024 sono ad oggi circa 26.000 rispetto alle circa 26.300 dell’ultimo anno accademico; a ciò si aggiungono circa 700 immatricolazioni di studenti internazionali in corso di perfezionamento.

Aumentano del 3%, arrivando a sfiorare quota 9.000, le immatricolazioni ai corsi di laurea magistrale, mentre restano sostanzialmente stabili i nuovi scritti ai corsi di laurea triennali e ai corsi di laurea magistrali a ciclo unico. Rispetto alla distribuzione nei Campus, sono stabili le sedi di Bologna (-3%), Ravenna (+3%, grazie anche al corso di laurea in Medicina dice il Rettore Molari) e Cesena (-3%), in leggero calo Rimini (-8%) e in forte aumento Forlì (+16%).


"Questi numeri restituiscono l'immagine di un Ateneo solido e aperto, che punta sulla qualità della didattica e sul diritto allo studio: lo confermano non solo i numeri in crescita delle lauree magistrali e degli studenti internazionali, ma anche l'aumento del numero dei laureati e il calo degli abbandoni", commenta il Rettore Giovanni Molari. "Continueremo a impegnarci fortemente su questi temi anche guardando alle iscrizioni al prossimo anno accademico: la scelta che abbiamo fatto è stata infatti di accettare solo i TOLC in presenza per l'accesso ai corsi a numero programmato. Questo perché la nostra convinzione, evidenziata dai dati, è che i TOLC@casa, introdotti eccezionalmente durante la pandemia ma conservati anche successivamente e tuttora accettati da molti Atenei, non garantiscano pienamente né la qualità né l'equità della selezione. Ringrazio il CISIA per aver accolto la nostra reiterata sollecitazione a fornire una doppia graduatoria che ci permette finalmente di distinguere fra TOLC svolti a distanza o in presenza, e dunque di effettuare una scelta pienamente rispettosa del merito e dell’equità di trattamento".

Rispetto allo scorso anno, si registra un calo dei nuovi iscritti in arrivo delle regioni del Sud Italia (-15%), compatibile con l’aumento diffuso delle immatricolazioni negli Atenei del Meridione, mentre aumentano i nuovi iscritti in arrivo da Bologna e provincia e dall’Emilia-Romagna.

Continuano ad aumentare in modo significativo gli studenti internazionali: se l’anno scorso crescevano del 7%, quest’anno si registra un ulteriore +11%. Molto rilevante, in particolare, il dato legato ai nuovi iscritti in arrivo dall’Iran: lo scorso anno erano cresciuti del 64% e quest’anno crescono ancora del 70%. Non solo: tra questi nuovi iscritti iraniani un’ampia maggioranza, il 62%, è composta da studentesse.

Sempre sul fronte internazionale, aumenti significativi si registrano anche per gli immatricolati in arrivo dalla Cina (+23%), dalla Turchia (+24%) e dalla Russia (+24%).

A conferma della forte attrattività a livello nazionale e internazionale dell’Università di Bologna, continuano ad aumentare anche i numeri delle domande di iscrizione – circa 84.000, in crescita del 3% rispetto allo scorso anno – così come il numero dei candidati alle prove di ammissione, che fa segnare un +2% (quasi 60.000 in numeri assoluti).

Altro dato da segnalare è quello delle studentesse dell’Alma Mater che scelgono di iscriversi a corsi di laurea di ambito STEM, ossia tecnologici, ingegneristici e matematici. Quest’anno le nuove iscritte ai corsi di laurea e ai corsi di laurea magistrali a ciclo unico sono state 1.629, in aumento del 6% rispetto allo scorso anno, mentre nei corsi di laurea magistrale sono state 1.350, in aumento del 7%.

Guardando poi oltre ai nuovi iscritti, torna a crescere il numero dei laureati, che nel 2023 sono stati quasi 20.000 (+4%) e diminuisce del 2% il numero degli studenti che abbandonano gli studi.

Infine, sul fronte del diritto allo studio – da sempre una priorità dell’Alma Mater – prosegue il trend di crescita delle studentesse e degli studenti che beneficiano di una riduzione o dell’esonero totale delle tasse di iscrizione. In particolare, gli iscritti con un ISEE fino a 45.000 euro, che possono usufruire di forti riduzioni nelle contribuzioni studentesche, arrivano a toccare il 58,4% del totale. Tra questi sono 25.652 gli iscritti che quest’anno hanno potuto beneficiare dell’esonero totale dei contributi studenteschi, in crescita del 9% rispetto all’anno accademico 2021/2022.




© copyright la Cronaca di Ravenna
CONDIVIDI

Altro da:
Università

Ravenna, un anno dopo l’alluvione

Istituzioni locali e ricercatori insieme per ricordare, informare e presentare gli ...

Ravenna, un anno dopo l’alluvione

Istituzioni locali e ricercatori insieme per ricordare, informare e presentare gli ...

Nuovi spazi, riqualificazioni e sostenibilità: ecco il Piano Edilizio dell’Alma Mater

Presentato il quadro delle opere per il triennio 2024-26: 104 cantieri in programma ...

Nuovi spazi, riqualificazioni e sostenibilità: ecco il Piano Edilizio dell’Alma Mater

Presentato il quadro delle opere per il triennio 2024-26: 104 cantieri in programma ...

Corso di laurea in Medicina e Chirurgia, una sede unica all'ospedale Santa Maria delle Croci

Aula magna, laboratori, aule, uffici concentrati nel presidio in viale Randi a Ravenna. ...

Corso di laurea in Medicina e Chirurgia, una sede unica all'ospedale Santa Maria delle Croci

Aula magna, laboratori, aule, uffici concentrati nel presidio in viale Randi a Ravenna. ...

RAVENNA FESTIVAL

Sopra le righe

"Strùffati": Comune e Prefettura in difesa delle persone vittime di truffe. Il video con Maria Pia Timo

Tornano le azioni sul territorio. Si parte martedì 9 aprile alle 20.30 all'Almagià ...

Ortazzo, «lo scandalo continua»

Gli ambientalisti: «Il Parco del Delta non emette alcun cenno risoluto rispetto a ...

Dialogo sul Mediterraneo. INTERVISTA a Marc Lazar

È uno dei due protagonisti con l’ex Ministro Marco Minniti, del dibattito organizzato ...

Architettura, «una nuova visione con al centro la qualità». INTERVISTA

Come sfuggire alla schiavitù nei confronti delle logiche di mercato. Ne parla Marco ...

Salvò al mondo la Domus dei Tappeti di Pietra

RavennAntica intitoli uno spazio pubblico a Ezio Fedele Brini

Prospettiva Dante. Giancarlo Giannini incanta il pubblico

L'attore italiano ha aperto la XII edizione del festival promosso dalla Fondazione ...

Celebrato il 702esimo annuale di Dante. LE FOTO

Dalla prolusione alla Biblioteca Classense all'Offerta dell'Olio

Alluvione/ Oltre 600 firme per la petizione “Stop al pagamento delle utenze"

Promossa da una cittadina di Fornace Zarattini, Alessandra Musumeci. «Eni, Hera, ...